mercoledì , 13 novembre 2019
Home » Culture » Turismo » Aeroporto d’Abruzzo: riparte il volo Pescara – Linate
Enrico Paolini

Aeroporto d’Abruzzo: riparte il volo Pescara – Linate

Dal prossimo 28 ottobre, sarà ripristinato lo storico collegamento milanese.

Si vola a Milano quattro volte al giorno. Paolini “Abbiamo mantenuto la promessa”.

Torna il volo Alitalia da e per Milano Linate dall’Aeroporto d’Abruzzo, che sarà ripristinato il prossimo 28 ottobre, dopo uno stop temporaneo dovuto a lavori che hanno interessato lo scalo milanese.

Una chiusura di tre mesi, dal 27 luglio scorso al prossimo 25 ottobre, che ha comunque previsto la riprogrammazione ed il relativo spostamento del volo Pescara – Milano sull’hub intercontinentale di Malpensa.

La riapertura della storica rotta di Linate con lo scalo pescarese, conferma e rilancia le potenzialità dell’Aeroporto d’Abruzzo come spiegato dal Presidente della Saga Enrico Paolini. “Lo avevamo promesso ed oggi – sottolinea Paolini – ripristiniamo un collegamento di fondamentale importanza per tanti abruzzesi e non solo. La crescita del nostro scalo e gli ottimi risultati raggiunti, infatti, hanno convinto la compagnia di bandiera Alitalia a mantenere la tratta Pescara – Linate, valorizzando le potenzialità del nostro Aeroporto”.

Un grande successo per l’Abruzzo e la Saga che “grazie al grande lavoro sinergico di squadra – ha proseguito Paolini – ha raggiunto numeri importanti, con oltre il 7% di crescita del numero dei passeggeri, registrato nei primi otto mesi del 2019, nonostante la perdita di 20 mila passeggeri per la chiusura di Linate e che ci fanno guardare al futuro con estrema fiducia”.

I biglietti per lo scalo di Linate sono già acquistabili e, guardando alle priorità autunnali, si punta a consolidare la presenza di hub intercontinentali, oltre al ripristino del volo per Torino.

Guarda anche

Aeroporto d’Abruzzo, Marcozzi (M5S) “stanziato un milione e mezzo ma nessun bando per selezionare le compagnie”

Pescara - “La lentezza dell'amministrazione del centro destra espone l'Abruzzo al rischio di subire enormi danni economici. L'ultimo caso riguarda direttamente sia il settore turistico che quello produttivo della nostra regione. Abbiamo scoperto infatti che non è stato ancora predisposto il bando di gara relativo al milione e mezzo di euro, stanziato nel mese di agosto, per selezionare compagnie aree nazionali e internazionali da far atterrare all'Aeroporto d'Abruzzo. Una mancanza grave, che se non tamponata in tempi stretti porterà le aziende a scegliere altri aeroporti per il nostro scalo, portando altrove i loro piani industriali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 − sette =