domenica , 20 Settembre 2020

Quarta discarica a Cupello, la Cupello Ambiente fa ricorso al TAR contro il diniego del Comitato VIA regionale

La Stazione Ornitologica Abruzzese citata come contro-interessata si costituirà per sostenere la legittimità della decisione contraria alla realizzazione di una nuova discarica da 480.000 mc da parte del privato.
 
Chieti – La società Cupello Ambiente Srl ha depositato al TAR di L’Aquila un ricorso per chiedere l’annullamento di due atti, il parere negativo del Comitato VIA della Regione al progetto per la realizzazione di una nuova discarica, la quarta nell’area, da 480.000 mc e la lettera del Comune di Cupello con cui l’ente si esprimeva in senso negativo sulla Valutazione di Incidenza Ambientale dell’intervento.
 
Oltre alla Regione Abruzzo unica contro-interessata è a quanto pare la Stazione Ornitologica Abruzzese Onlus.
 
«L’associazione ovviamente si costituirà in giudizio –scrivono in una nota i coordinatori della Stazione Ornitologica Abruzzese Onlus– per chiedere il rigetto del ricorso a suo avviso del tutto infondato, anche in considerazione della difficilissima e gravissima situazione del polo del CIVETA che ha una discarica sequestrata, la terza, proprio quella realizzata e gestita dalla Cupello Ambiente per conto del Consorzio pubblico.
Inoltre vogliamo ricordare che questa società dovette ritirare un primo progetto per la nuova discarica perché l’associazione e il Forum H2O scoprirono, tra l’altro, che avrebbe occupato terreni che il Consorzio CIVETA non aveva neanche concesso. Poi il progetto, che ora interessa aree limitrofe a quelle del Consorzio pubblico CIVETA, fu ripresentato e bocciato grazie anche alle numerose osservazioni contrarie presentate dal pubblico che avevano fatto emergere numerose criticità.
Il Comitato VIA rilasciò l’11 luglio 2019 il parere negativo n.3064 sollevando diverse questioni come, ad esempio, l’effetto cumulo insostenibile con gli impianti già esistenti. Inoltre le politiche e le norme comunitarie mirano all’abbandono delle discariche come strumento di gestione e smaltimento dei rifiuti».
 
«Ovviamente –conclude la SOA– ci aspettiamo una mobilitazione da parte del territorio affinché i vari soggetti interessati, dalle associazioni agli enti, si schierino ufficialmente contro questo ricorso».

Guarda anche

Da venerdì a domenica torna Cammina per il Parco. L’edizione 2020 dedicata a Fabrizia Arduini

Obiettivo: rilanciare l’interesse per un’area protetta istituita da venti anni e mai attivata  Torna puntuale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 12 =