sabato , 24 Ottobre 2020

Sindaco Di Montesilvano e vice con i tecnici Aca visitano l’impianto di depurazione liquami a Fermo

Fermo – Il sindaco Ottavio De Martinis, il vice sindaco con delega all’Igiene urbana Paolo Cilli e i tecnici dell’Aca hanno visitato l’impianto di depurazione con produzione di gessi di defecazione di Fermo, che tratta i fanghi trasformandoli in concime organico, detto ammendante. Nell’impianto marchigiano hanno già avviato una produzione di 2.500 tonnellate l’anno che distribuiscono nei terreni della zona per l’agricoltura. 

“Le tecnologie per il riciclo dei liquami – spiega il sindaco De Martinis – risolvono l’annosa questione dello smaltimento e potrebbero essere fonte di fertilizzanti per una agricoltura più sostenibile e di minore impatto ambientale su tutto il nostro territorio. La produzione dei gessi di defecazione rappresenta una valida alternativa all’utilizzo dei fanghi di depurazione delle acque reflue in agricoltura, sia dal punto di vista agronomico e della tutela dell’ambiente, che gestionale. Disfarsi dei fanghi è diventata una vera e propria urgenza, oltre ad una questione onerosa per i costi di smaltimento e i ricercatori stanno, esplorando nuove possibili soluzioni al problema. Abbiamo visitato l’impianto di depurazione a basso impatto ambientale di Fermo, che potrebbe essere realizzato anche a Montesilvano. Un problema quello dei liquami, che diventa in questo modo una risorsa capace di trasformare un materiale di scarto difficile da gestire in concime organico naturale e inodore”. 

 “Il nostro depuratore di via Tamigi raccoglie i reflui solidi – afferma il vice sindaco Cilli -, cioè lo scarto della lavorazione dei fanghi, i quali vengono portati in discarica. I costi di questo processo sono aumentati tantissimo. Oggi ci sono delle opportunità tecnologiche avanzate e l’Aca ci ha chiesto di intervenire sul nostro depuratore, realizzando un impianto in linea che consentirebbe di trasformare, attraverso dei processi chimici, i fanghi presenti in concime usato per l’agricoltura. Questo garantirebbe di avere un costo stabile del prodotto da smaltire in maniera autonoma da impianti terzi. In futuro inoltre, con la normativa europea, ci si dovrà adeguare a cercare soluzioni autonome. Esistono impianti del genere oltre a Fermo anche a Cervia, a Verona, a Pavia, a Barletta e a Foggia. L’agricoltura finora usufruisce di questi materiali a costi pari a zero, ma in seguito potranno essere venduti”.





Cosa sono i Gessi di Defecazione


Il “gesso di defecazione” è un prodotto di un trattamento chimico, noto da decenni, che si effettua storicamente sulla poltiglia di barbabietole nell’industria della produzione dello zucchero. Consiste nell’idrolisi basica del materiale organico-biologico con calce viva e una successiva neutralizzazione con acido solforico, da cui origina un precipitato di solfato di Calcio (CaSO4, comunemente chiamato “gesso”).

Se al posto dell’acido solforico la neutralizzazione dell’alcalinità della calce viene attuata con anidride carbonica si ottiene nella massa organica la formazione di “carbonato di calcio di defecazione” (CaCO3) al posto del gesso di defecazione.


In epoca recente questo trattamento chimico è stato applicato ai fanghi di supero dei depuratori biologici per pervenire a un prodotto, comunque chiamato “gesso di defecazione”, da impiegare come correttivo per suoli agricoli.

Pertanto il gesso di defecazione è oggi definibile come prodotto ottenuto da sostanza organica genericamente intesa (come, ad es. i fanghi dei depuratori biologici), per trattamento con calce viva e successiva neutralizzazione con acido solforico

Le regioni che fanno più uso dello spandimento dei fanghi in agricoltura
sono attualmente la Lombardia, il Veneto e l’Emilia-Romagna.

DA: DOCUMENTO SULLO SPANDIMENTO DEI FANGHI DERIVANTI DAGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICI DELLE ACQUE REFLUE URBANE IN ITALIA
A cura di Giovanni Damiani Componente del Consiglio Direttivo Nazionale di Italia Nostra


					
									

Guarda anche

Fare Verde: a Balsorano incivili puniti grazie ai Carabinieri Forestali

Balsorano- Le fototrappole funzionano. Sanzionate le prime persone. Ma i Carabinieri Forestali del Comando Stazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 − tre =