martedì , 30 Novembre 2021

PRC-SE QUESTA MATTINA IN PIAZZA“GOVERNO BLOCCHI AUMENTO BOLLETTE!”

PRC-SE “NON ERA IL TEMPO DI DARE?
INVITIAMO TUTTI I CONSIGLI COMUNALI, COME ACCADUTO A BUSSI, AD APPROVARE ODG CONTRO GLI AUMENTI

Pescara – Anche nel capoluogo adriatico, in Piazza Unione questa mattina Rifondazione Comunista ha rilanciato la campagna nazionale contro il vergognoso aumento delle bollette di luce e gas scattato dal 1° luglio. E proprio ieri, bene ha fatto  il consiglio comunale di Bussi ad approvare un ordine del giorno per il blocco degli aumenti. Rifondazione Comunista invita tutti i consigli comunali a fare lo stesso contro questa misura ingiustificata e antipolare, approvando l’ordine del giorno.

L’Unione Nazionale Consumatori, come ricordano Maurizio Acerbo e Corrado Di Sante dirigenti di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, ha stimato che l’aumento significherà per una famiglia tipo, spendere su base annua (e dunque ipoteticamente dal 1° luglio 2021 al 30 giugno 2022, nell’ipotesi di prezzi costanti), 56 euro in più per la luce e 158 euro per il gas. Una maggior spesa complessiva pari, quindi, a 214 euro.

“Il governo e il parlamento –commentano Acerbo e Di Sante– hanno il dovere di bloccare l’aumento delle bollette di gas e elettricità. Non aveva detto Draghi che è il momento di dare e non di prendere? Vale solo per i milionari e i miliardari?
Tassare i ricchi in Italia è tabù, tartassare i cittadini invece sarebbe giusto per i partiti di governo.
Non è un caso che l’aumento delle bollette sia arrivato il 1 luglio insieme allo sblocco degli sfratti e dei licenziamenti a dimostrazione che questo è un governo che la crisi la fa pagare a chi sta in basso mentre destina un fiume di miliardi alle grandi imprese.
L’ennesimo inaccettabile aumento – questa volta del 9,9% per la luce e del 15,3% per il gas – dimostra che la privatizzazione e la liberalizzazione sono state solo una fregatura, l’ennesima fallimentare riforma neoliberista bipartisan.  Invece di tutelare consumatori la politica è da anni al servizio delle società dell’energia. Dall’avvio della parziale liberalizzazione del mercato dell’energia e del gas si stima un aumento dei prezzi in bolletta del 70% per il gas e del 40% per l’energia elettrica”.

Ci avevano promesso bollette meno care e invece veniamo tartassati

Dall’apertura alla concorrenza e dalla liberalizzazione del settore energetico, i prezzi dell’elettricità e del gas sono aumentati in Italia, ma anche ovunque in Europa.  
“L’aumento del 15,3% –aggiunge PRC–non è comunque giustificabile sulla base dell’aumento dei prezzi del gas sul mercato mondiale. Infatti in Francia è al di sotto del 10%. Non si capisce dunque perchè in Italia debba essere così rapido e elevato.
Chiediamo che il governo intervenga con una misura di blocco degli aumenti e riduzione al 5% dell’IVA che paghiamo sulle bollette
Inoltre chiediamo che il governo Draghi revochi il passaggio obbligato al mercato libero che scatterà il prossimo 1° gennaio 2023.” Concludono Maurizio Acerbo e Corrado Di Santei di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea.

Guarda anche

Tribunali dei minori Abruzzo: Respinto l’odg presentato dal deputato Colletti (L’Alternativa C’è)

Pescara – “Dopo una lunga discussione, l’aula della Camera ha bocciato il mio ordine del giorno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 2 =