mercoledì , 17 ottobre 2018
Home » Focus » Cronaca » ARCHIVIATO: Giovanni Damiani, la verità dopo il clamore mediatico – VIDEO

ARCHIVIATO: Giovanni Damiani, la verità dopo il clamore mediatico – VIDEO

Pescara – “Il reato non sussiste sul piano materiale”. E’ questa la formula con cui il Giudice per le indagini preliminari ha disposto l’archiviazione del procedimento aperto a carico di Giovanni Damiani, il 10 ottobre del 2014.
L’ex direttore generale dell’ANPA (ora ISPRA), già direttore tecnico dell’Arta Abruzzo e componente della sezione nazionale VIA, era stato iscritto nel registro degli indagati della Procura della Repubblica di Potenza con l’accusa di aver “redatto e consegnato alla Procura di Potenza una falsa perizia sul centro Eni di Viggiano”.
Co-indagato per gli stessi capi d’imputazione anche un ingegnere di Pescara, consulente di parte dell’Eni.

La notizia era balzata sulle cronache di un noto quotidiano nazionale che con toni scandalistici riportava brani di intercettazioni del 5 agosto 2014 alludendo al fatto che il contatto tra l’ingegnere e Damiani, in qualità di consulente della Procura, prefiguravano una situazione losca nel commettere reati di falsificazione.
Un clamore mediatico che ha esposto il decano dell’ambientalismo italiano ad una situazione molto dolorosa fatta di ricostruzioni dei fatti, inesattezze gravi e sostanziali. Eppure durante questi 5 anni di indagine, la sua richiesta di essere ascoltato, inoltrato dall’avv. Veronica Dini, non ha mai avuto seguito.
Secondo Damiani “Se fosse stato ascoltato dalla Procura e se il giornalista avesse avuto la sensibilità professionale di approfondire le notizie date in pasto al pubblico con disinvoltura, avrei potuto dimostrare non solo la mia assoluta estraneità ai fatti e l’infondatezza dell’accusa, ma anche che sono stato accusato di un reato tecnicamente impossibile a commettersi, visto lo svolgersi dei fatti alla luce del sole”.
Nella conferenza stampa di oggi, Damiani, che solo da pochi giorni è venuto a conoscenza dell’archiviazione del procedimento, già in atto invece dal gennaio di quest’anno, ha voluto rendere noto il felice epilogo di questa triste vicenda.

Guarda anche

Via Rigopiano: Pettinari (M5S) ‘consolidamento di un quartier generale della criminalità in prossimità del centro’

Pescara - “Il numero degli abusivi supera di gran lunga quello dei residenti con diritto. E’ quanto avviene nel quartiere popolare in zona Via Rigopiano in cui sorgono alcune palazzine Ater di proprietà della Regione Abruzzo”. Il dato viene fornito da Domenico Pettinari, consigliere regionale che questa mattina ha tenuto una conferenza stampa a Pescara. Ad accompagnarlo il consigliere comunale Massimiliano Di Pillo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − quattordici =