domenica , 17 febbraio 2019
Home » Passioni » Food » L’olio che verrà: una nuova stagione per l’olio DOP Aprutino-Pescarese

L’olio che verrà: una nuova stagione per l’olio DOP Aprutino-Pescarese

Pianella – Dal 1° ottobre 2018 a seguito DM Modifica del disciplinare DOP Aprutino Pescarese potrà iniziare la raccolta delle olive per la certificazione campagna 2018/2019. Questa richiesta di anticipazione, convalidata e condivisa dal MIPAAFT, è scaturita dalla necessità di poter assicurare la certificazione e l’imbottigliamento ai produttori che sono presenti nella GDO, ma anche per assicurare la qualità del prodotto e mettersi in sicurezza contro attacchi patogeni.

“In questi giorni già alcuni frantoi aziendali hanno riaperto e, con sorpresa, abbiamo constatato che ci sono già i profumi che caratterizzano il nostro olio, afferma il Presidente del consorzio di tutela olio dop Aprutino-Pescarese Silvano Ferri. Siamo fiduciosi e convinti che quest’anno la dritta ci darà grandi soddisfazioni”.

“ Dopo annate a dir poco difficili si intravede una previsione di raccolta soddisfacente nell’area Vestina, aggiunge il Presidente del DAQ olio d’Oliva d’Abruzzo Sandro Marinelli. Si tratta, però, di una previsione che varia da zona a zona, poiché purtroppo in altre aree della nostra regione, a seguito delle gelate particolarmente intense, potrebbe verificarsi un calo della produzione”.

Guarda anche

Passione pizza, indagine CNA: Abruzzo primatista nel rapporto esercizi/abitanti

PESCARA – Una pizzeria ogni 267 residenti. Va sorprendentemente all’Abruzzo il primato nazionale, tra le regioni, nel rapporto pizzerie/residenti. Lo dice una recentissima indagine, condotta dal Centro studi nazionale della CNA e da CNA Agroalimentare in occasione della Giornata mondiale della pizza, celebrata nei giorni scorsi. In questa speciale graduatoria, come illustra il rapporto diffuso dall’Ufficio stampa nazionale della confederazione artigiana, la nostra regione «precede Sardegna (un'attività ogni 273 abitanti), Calabria (285), Molise (307)» e perfino la patria d’origine della pizza, la Campania (335).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =