lunedì , 25 marzo 2019
Home » Focus » Ambiente » Potatura oleandri sulla Strada Parco, il comune di Montesilvano replica ‘attacchi gratuiti da persone non qualificate’

Potatura oleandri sulla Strada Parco, il comune di Montesilvano replica ‘attacchi gratuiti da persone non qualificate’

De Vincentiis: «Gli interventi dei nostri operai sulle piante della città

avvengono sempre in ottemperanza delle direttive del nostro agronomo» 

Montesilvano –  “Sulla strada parco è stato necessario provvedere a un taglio degli oleandri, necessario per rinforzare le piante. Alcuni siti hanno riportato la notizia con toni terrificanti, assolutamente fuori luogo” Così l’Amministrazione comunale replica alla nota stampa emessa questa mattina dal Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio Onlus che aveva criticato i modi usati per la potatura degli oleandri presenti sulla Strada parco.

 

«Ribadiamo ancora una volta», sottolinea l’assessore al Verde pubblico, Ernesto De Vincentiis, «sperando che sia l’ultima, che tutte le attività sulle piante nel nostro Comune, vengono realizzate dopo l’autorevole parere del nostro agronomo, Francesco Cellini, vicepresidente dell’Ordine degli agronomi e dei dottori forestali della provincia di Pescara. L’intervento è stato a lungo valutato dall’ufficio tecnico, che trova le sue motivazioni in ragioni tecniche e scientifiche. L’amministrazione Maragno è da sempre molto attenta al verde pubblico e, per tornare a un altro intervento che ha sollevato le critiche di presunti esperti, abbiamo promosso un’attività di potatura di pini che non erano stati toccati da quasi 20 anni. I casi di cronaca recente, in altre città o a Roma, dove la mancata manutenzione ha provocato danni ad auto e a persone, fanno facilmente comprendere come non si possa sottovalutare il problema».

«E’ un’operazione tecnica che ha una finalità precisa», puntualizza Francesco Cellini, consulente del Comune, «quella di ringiovanire gli arbusti. Niente altro. Dopo il taglio, infatti, gli oleandri emetteranno nuovi germogli basali, che potranno essere meglio gestiti, con opportune potature ed emetteranno fiori, sin dalle parti basse delle stesse. La scelta di effettuare un taglio basale, con arrotondamento dei cespi è una pratica consolidata, attuata sia nel settore del verde ornamentale, che in ambito selvicolturale, tale da migliorare il rigoglio vegetativo e facilitare le successive pratiche di gestione ordinaria. Si ribadisce che, sotto l’aspetto estetico, nell’arco di alcune stagioni vegetative, si tornerà ad avere una siepe continua, più rigogliosa e soprattutto fiorente, sin dalle parti basse, senza la problematica dei monconi di germoglio disseccati, che possono costituire un pericolo. La gestione degli alberi, arbusti e manti erbosi, si fonda su basi tecnico – scientifiche, frutto di studi e operazioni empiriche sul campo, affidate a tecnici e operatori qualificati del settore, riconosciuti e accreditati a livello nazionale e internazionale».

 

Montesilvano, il Coordinamento Nazionale Alberi denuncia, ‘saccheggio di Oleandri lungo la Strada’ Parco

Guarda anche

Sentenza del TAR su SIN Bussi: la Provincia vince su Edison, via libera alla bonifica. Di Marco ” immensa soddisfazione”

«Oggi il TAR di Pescara ha ritenuto giusto e corretto, sotto tutti i profili, il provvedimento di bonifica che, sotto la Presidenza di Antonio DI MARCO, la Provincia di Pescara aveva emesso nei confronti della Edison Spa, responsabile dell'inquinamento diffuso nelle ex DISCARICHE 2A e 2B ed aree limitrofe, rientranti nel perimetro del SIN Bussi! Entro 30 giorni saranno avviate le operazioni di bonifica sui 9 ettari di terreno inquinato. L’ Edison Spa si era opposta con una vastità di argomentazioni, che il TAR ha respinto punto su punto ed aveva anche cercato di far gravare gli oneri di bonifica sul gruppo Solvay, che però a sua volta si è detto estraneo» è quanto si legge in una nota inviata dall'ex Presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 − due =