sabato , 24 agosto 2019
Home » Polis » Città » Cantiere in via Pepe a Pescara, Mascia ‘scarso coordinamento che ha dilatato ancora più i tempi’

Cantiere in via Pepe a Pescara, Mascia ‘scarso coordinamento che ha dilatato ancora più i tempi’

“Una migliore programmazione dei lavori, attraverso un raccordo effettivo tra i vari soggetti che spesso ‘convivono’ nelle opere di manutenzione straordinaria, concertazione e ascolto di residenti e commercianti che non devono solo subire i disagi, ma partecipare di volta in volta, anche con proposte, al miglioramento della città. Perché quello che sta accadendo in questo …

“Una migliore programmazione dei lavori, attraverso un raccordo effettivo tra i vari soggetti che spesso ‘convivono’ nelle opere di manutenzione straordinaria, concertazione e ascolto di residenti e commercianti che non devono solo subire i disagi, ma partecipare di volta in volta, anche con proposte, al miglioramento della città. Perché quello che sta accadendo in questo periodo in via Pepe e che negli ultimi cinque anni è accaduto in altre zone della città non debba più ripetersi”: lo afferma Luigi Albore Mascia, che aveva chiesto una riunione della commissione lavori pubblici del Comune di Pescara proprio per fare un punto della situazione  sul cantiere fermo da giorni.

All’incontro hanno partecipato anche una rappresentanza di residenti e commercianti, un tecnico dell’Aca, che ha appena terminato la sua porzione di intervento, e del Comune che hanno offerto un primo quadro dello stato dell’arte. Le opere hanno subito dei rallentamenti a causa di una serie di problemi riscontrati sia nella tenuta degli accessi carrabili, che nello stato dei sottoservizi. In più è in corso una perizia di variante per cambiare la pavimentazione della parte pedonale, per la quale verranno utilizzati i lastroni in marmo di Carrara rimossi dal Palazzo di Giustizia.

“Tutto questo – sottolinea Albore Mascia – con uno scarso coordinamento che ha dilatato ancora più i tempi. La commissione si riunirà di nuovo martedì prossimo e, oltre al direttore dei lavori, parteciperà anche il titolare della ditta a cui è affidato il cantiere. Questo per avere risposte certe sui tempi e anche per valutare alcune difficoltà che sono emerse: quale quella di dimensioni e distanze dei dehors, per le quali già si ipotizza un contrasto con la disciplina in corso di approvazione. Uno dei punti fermi della nuova amministrazione di centrodestra sarà proprio l’accuratezza nelle progettazioni, l’attenzione, anche in corso d’opera, per tutti quei particolari che sono in realtà importantissimi per la vita e lo sviluppo delle attività imprenditoriali cittadine”.

I ritardi e lo stato della strada stanno creando notevoli problemi ai commercianti del tratto di via Pepe interessato dai lavori: alcuni esercizi sono praticamente inaccessibili e il volume d’affari è sceso del 30-40%.

“Per questo – conclude Albore Mascia – dalla riunione di martedì prossimo bisognerà uscire con solide certezze in merito ai tempi di chiusura del cantiere e sulle eventuali variazioni necessarie per le quali dovranno essere avviati immediatamente i percorsi tecnici. Con l’estate alle porte non possiamo permetterci altri errori”.

 

Guarda anche

Ordinato lo sgombero per il CAS di Castellana: Il sindaco Marinelli “pericoli per la salute pubblica”

Pianella - Un controllo da parte del dipartimento di prevenzione della ASL di Pescara ha fatto emergere una condizione di sovraffollamento presso il Centro di Accoglienza e Soggiorno Immigrati (CAS) di Castellana. La struttura, infatti, prevede una recettività massima di 9 persone in luogo delle 14 presenti, condizione che come riferisce l'Amministrazione comunale, <>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − 5 =