venerdì , 24 maggio 2019
Home » Polis » Regione Abruzzo » Enti strumentali: Febbo chiede le dimissioni dei vertici ARAP, FIRA, Abruzzo Sviluppo e Consorzio Pescara-Chieti

Enti strumentali: Febbo chiede le dimissioni dei vertici ARAP, FIRA, Abruzzo Sviluppo e Consorzio Pescara-Chieti

Pescara – L’assessore alle Attività produttive e Turismo, Mauro Febbo, ha incontrato questa mattina i responsabili degli enti strumentali e delle partecipate che hanno più stretti rapporti con le deleghe a lui assegnate.

“Da subito ho incontrato gli uffici regionali che dipendono dal mio assessorato – spiega Febbo – e ho iniziato a prendere visione dell’attuale situazione dei diversi Servizi dei Dipartimenti legati alle mie deleghe. Adesso bisogna sviluppare un piano di lavoro lineare per portare a termine obiettivi concreti per la crescita della Regione. Oggi ho incontrato i responsabili degli enti che dipendono dalle mie Direzioni, ovvero il presidente Arap Giampiero Leombroni, il presidente di Fira Alessandro Felicci, il presidente di Abruzzo Sviluppo Manuel De Monte e il presidente del Collegio dei Liquidatori del Consorzio Industriale Pescara-Chieti Camillo D’Angelo. A loro ho chiesto di rassegnare le proprie dimissioni a seguito dell’avvicendarsi del nuovo governo regionale di centrodestra, che ovviamente saranno valutate in riferimento agli obiettivi condivisi di strettissima attualità”.

L’assessore precisa che nei prossimi giorni continuerà a confrontarsi con tutta la struttura regionale, “al fine – continua – di avviare un lavoro proficuo e di vero sviluppo, mettendo in campo tutti gli strumenti adatti per far ripartire l’economia regionale che vive ormai da troppo tempo una situazione di stallo. Chiaramente, inizierò anche un giro di incontri con le organizzazioni datoriali e sindacali per tracciare e condividere le strategie che questo governo regionale intendere mettere in campo in questa legislatura”.

Guarda anche

Gran Sasso, Marcozzi (M5S) “inutile chiedere impegno al Governo già al lavoro”

L'Aquila - “La scelta del Movimento 5 Stelle di astenersi dal votare qualsiasi documento in merito alla questione Gran Sasso è molto semplice: il Consiglio Regionale sta chiedendo al Governo di occuparsi di un problema di cui si sta già occupando. Ieri sera, al termine di una riunione, sia il Ministero dei Trasporti che Strada dei Parchi hanno rilasciato dichiarazioni che vanno nella direzione da tutti sperata. È stata scongiurata la chiusura del tratto autostradale dell’A24. Inoltre si sta già lavorando per salvaguardare sia la salubrità dell’acqua che il lavoro di un istituto di ricerca, l’INFN, del quale non possiamo fare a meno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 3 =