lunedì , 14 ottobre 2019
Home » Polis » Politica » L’ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI PESCARA INCONTRA I CANDIDATI SINDACO

L’ORDINE DEGLI ARCHITETTI DI PESCARA INCONTRA I CANDIDATI SINDACO

OGGI Venerdì 3 maggio 2019 alle 18 nei locali dell’Urban center, ex stazione di Portanuova

Rigenerazione urbana, sviluppo territoriale dell’area metropolitana, punti di vista e strategie, interventi che si intendono realizzare. L’ordine degli Architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Pescara, incontra il futuro sindaco della città, in vista delle elezioni amministrative del 26 maggio prossimo.

Appuntamento OGGI venerdì 3 maggio 2019 dalle 18 alle 20 nei locali dell’Urban center della stazione di Portanuova. Un momento di incontro, coordinato da Angelo D’Alonzo, presidente dell’ordine degli Architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Pescara.

Partecipano i candidati Erika Alessandrini (M5s), Gianluca Baldini (Riconquistare l’Italia), Stefano Civitarese (Coalizione civica per Pescara), Carlo Costantini (Faremo Grande Pescara), Mirko Iacomelli (Casapound), Carlo Masci (centrodestra), Marinella Sclocco (centrosinistra), Gianni Teodoro (Scegli Pescara). Ingresso aperto al pubblico.

“Un incontro per conoscere ed approfondire la visione di città che caratterizzerà l’azione politica della prossima amministrazione – commenta Angelo D’Alonzo, presidente dell’ordine degli Architetti di Pescara -. Lo stesso spazio che ospita l’incontro, l’Urban center, è evocativo, in quanto luogo deputato alla condivisione dei progetti di trasformazione urbana. Dal destino dell’area di risulta, alla grande Pescara, sono tanti i temi da affrontare. Come Ordine vogliamo che il metodo del confronto e della condivisione guidi le scelte della prossima amministrazione. I professionisti e gli architetti in particolare sono interlocutori fondamentali in tale processo. È necessario che cultura della qualità degli interventi entri nei processi decisionali e sia considerata al pari degli aspetti economici e tecnici. Solo in questo modo riusciremo ad esprimere al meglio le potenzialità di Pescara ed innalzare la qualità della nostra vita”.

Guarda anche

Taglio dei Parlamentari: Meritocrazia Italia “netta differenza tra rappresentanza e rappresentatività”

L'Aquila - Meritocrazia Italia, all’esito della approvazione del ddl n. 214-515-805-B che modifica la costituzione portando i deputati da 630 a 400 e i senatori da 315 a 200, ritiene che tale riforma, seppure condivisibile sul piano dei principi ispiratori, potrebbe essere incompiuta laddove non sia combinata, nell’immediato, con altre modifiche costituzionali riguardanti il ruolo e il funzionamento delle Camere e delle altre istituzioni democratiche decentrate.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × due =