venerdì , 23 agosto 2019
Home » Focus » Cronaca » Comandante di peschereccio sanzionato per abbandono di rifiuti nel porto di Giulianova

Comandante di peschereccio sanzionato per abbandono di rifiuti nel porto di Giulianova

Giulianova – Continua la linea dura della Guardia Costiera di Giulianova nei confronti di quanti non rispettino il porto e le sue regole: questa volta ad esser sanzionato è stato il Comandante di un peschereccio facente base abitualmente nel porto giuliese, colpevole di aver lasciato in abbandono lungo il muro paraonde – destinato al riparo di attrezzi da pesca – materiale ammalorato, in cattivo stato igienico e di conservazione e classificato in quanto tale, come rifiuto. Si trattava, di fatto, in numerose tavole di legno ammalorate, resti di porte danneggiate.

È servito pochissimo tempo ai militari del Comando giuliese per risalire al colpevole, identificarlo ed elevare a suo carico una sanzione di 600 euro per aver violato la normativa in materia ambientale, imponendogli il ritiro dello stesso materiale per il successivo smaltimento a proprio carico nelle forme previste per legge.

“Tolleranza zero – afferma Claudio Bernetti, Comandante della Guardia Costiera di Giulianova – per quanti non rispettano il porto, chi lo vive e quanti altri ci lavorano. Il decoro e il  rispetto delle regole sulla gestione e smaltimento dei rifiuti sono la base del vivere civile – continua il Comandante – e lo diventano ancor di più quando si parla di un’area ad elevata concentrazione cittadina, di turisti e di passanti, poiché rappresenta un biglietto da visita dell’intera città. I controlli continueranno con la stessa fermezza e verranno ulteriormente potenziati dall’ormai imminente entrata in funzione del nuovo sistema di telecamere, che ci permetterà di osservare in notturna a elevatissime distanza come fosse giorno”.

Guarda anche

Violenza a Rancitelli: Pettinari (M5S) forze dell’ordine ed esercito, unica forma di prevenzione ad atti criminosi così violenti

RANCITELLI, NUOVO SANGUE SULLA STRADA PETTINARI “ANDRO’ A FONDO SULLE MOTIVAZIONI CHE SPINGONO CHI DI DOVERE A NON PRENDERE LE GIUSTE PRECAUZIONI!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + quattro =