martedì , 25 giugno 2019
La mappa dell'area interessata con i confini di ZPS e SIC
Home » Focus » Ambiente » Gara di tiro tra Parco e Sito di Interesse Comunitario. La SOA “in pieno periodo riproduttivo della fauna”

Gara di tiro tra Parco e Sito di Interesse Comunitario. La SOA “in pieno periodo riproduttivo della fauna”

L’associazione ambientalistica  scrive a carabinieri – forestali, Parco, Comune e Regione.
“Sono rispettate le norme che tutelano aree protette e Siti Natura2000? E quelle sui rifiuti?”

Pescara – Una gara di tiro al piattello a Forca di Penne nel Comune di Capestrano in pieno periodo riproduttivo, in un luogo dove vi sono precise norme di tutela della fauna, e senza l’esistenza in loco di impianti dedicati autorizzati.
“Il tutto, a giudicare da un volantino che sta circolando sul territorio e che ci è stato segnalato da alcuni cittadini” spiegano i volontari della Stazione Ornitologica Abruzzese ONLUS “dovrebbe svolgersi l’8 e il 9 giugno, in pieno periodo riproduttivo della fauna”.
Dichiara Massimo Pellegrini, presidente della SOA Onlus “Il valico di Forca di Penne è in parte inserito nel Parco nazionale del Gran Sasso (nonché Zona di Protezione Speciale) ed è tutto ricompreso in un Sito di Interesse Comunitario, come riportato dalle mappe del Ministero dell’Ambiente. È un’area dove proprio in questo periodo nidificano specie rare come il Falco pellegrino e l’Averla piccola, tutelate a livello comunitario. É un territorio utilizzato tutto l’anno dal Lupo e da altre specie importanti, come l’Aquila reale. Ovviamente il continuo ripetersi di spari per due giorni di fila sarebbe causa di un fortissimo disturbo, del tutto incompatibile con la tutela della rara fauna presente. Tra l’altro ci chiediamo che fine faranno i frammenti dei piattelli, visto che sono rifiuti. Per questo abbiamo immediatamente avvisato gli organi competenti, compresi i carabinieri-forestali, per chiedere intanto se sia stata fatta la Valutazione di Incidenza Ambientale e poi per ottenere l’annullamento dell’iniziativa“.

La lettera completa inviata dalla SOA via PEC stamattina
 
Pescara, 06/06/2019

Comune di Capestrano
Ente Parco del Gran Sasso e Monti della Laga
CTA del Parco del Gran Sasso
Comando provinciale dei carabinieri – Forestali di L’Aquila
Regione Abruzzo – ufficio Parchi
Regione Abruzzo – ufficio VINCA

OGGETTO: gara di tiro a piattello in località Forca di Penne – Comune di Capestrano

Ci è stata segnalata da alcuni cittadini questa locandina in cui si pubblicizza un’iniziativa per i giorni 8 e 9 giugno in località Forca di Penne, nel comune di Capestrano (sono indicati dei numeri di telefono di riferimento).

A tal proposito si evidenzia che:
-se siamo nella porzione del valico rientrante in area parco, ovviamente tale attività è vietata dalle norme di tutela dell’area protetta (Legge 394/1991);
-se, invece, è nella porzione appena esterna, comunque ricade nel Sito di Interesse Comunitario “Primo tratto del Fiume Tirino e Macchiozze di S.Vito” ed è a pochissima distanza dalla Zona di Protezione Speciale coincidente con il Parco (si veda mappa tratta dal portale cartografico nazionale).  È del tutto evidente che svolgere un’attività del genere per due giorni consecutivi in pieno periodo riproduttivo della fauna (a mero titolo di esempio, per le specie di interesse conservazionistico, nell’area è nidificante l’Averla piccola; il Falco pellegrino si riproduce proprio sulle pareti che danno sul valico; l’Aquila reale caccia normalmente nelle aree aperte del valico; il Lupo è presente con un branco) costituisce un disturbo incompatibile con gli scopi di conservazione dei siti Natura2000.
Pertanto si chiede di conoscere se è stata svolta la procedura di Valutazione di Incidenza Ambientale di cui al DPR 357/1997 e se è stato rilasciato il parere di competenza del Parco nazionale in base al comma 7 dell’art.5 del DPR citato. Inoltre l’attività ci pare anche incompatibili con le Misure di Conservazione varate dalla regione Abruzzo.

Inoltre vorremmo capire come sia possibile recuperare i frammenti dei piattelli (spesso di pochi millimetri di grandezza) al di fuori di un impianto dedicato (non presente nell’area), visto che sono classificati quali “rifiuto speciale non pericoloso” che devono essere smaltiti nelle modalità previste dalla legge

In assenza della V.Inc.A. o qualora l’evento si svolga all’interno del Parco, si chiede il Vs intervento per impedire lo svolgimento di attività prive eventualmente dell’autorizzazione obbligatoria o in palese contrasto con le norme di tutela della Legge 394/1991 o con le misure di conservazione fissate dalla Regione Abruzzo o con le leggi sulla gestione dei rifiuti.

Cordiali saluti
Massimo Pellegrini
Presidente SOA Onlus

Guarda anche

Pepe all’attacco sulla sospensione degli abbattimenti dei cinghiali in provincia di Teramo -VIDEO

L’Assessore Imprudente ha confermato che il Dipartimento Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca, dallo scorso febbraio, ha sollecitato più volte la Provincia di Teramo per chiedere il motivo dell’interruzione dell’attività di controllo dei cinghiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + sette =