domenica , 20 ottobre 2019
Home » Focus » Ambiente » Caccia: Il Comitato VIA “boccia” il calendario venatorio della Regione Abruzzo.

Caccia: Il Comitato VIA “boccia” il calendario venatorio della Regione Abruzzo.

Accolte le obiezioni già sollevate in sede di TAR e con le osservazioni sulla VINCA

Il WWF alla Regione: da rivedere tutto il settore caccia regionale

Ieri il Comitato VIA regionale ha di fatto “bocciato” il calendario venatorio regionale.
Il parere, di cui la Regione dovrà tenere conto, vieta in tutto l’Abruzzo la caccia a Moriglione e Pavoncella (come peraltro chiesto da tempo dal Ministero dell’Ambiente); sono stati inoltre limitati i territori di caccia per 6 specie (Canapiglia, Codone, Frullino, Mestolone, Tordo sassello e Tortora selvatica) che non potranno essere cacciate nei SIC e nelle ZPS, e sono stati inserite altre prescrizioni limitative anche per tutelare l’Orso Bruno Marsicano.
La Regione aveva presentato un calendario con indicazioni contrastanti, subordinate a un futuro pronunciamento del TAR. Bene hanno fatto sia l’ISPRA che il Comitato VIA regionale a esprimersi solo sulle parti certe, confermando così la chiusura della caccia all’allodola e alla coturnice e consentendo la caccia ai soli residenti nell’area contigua del Parco Nazionale d’Abruzzo.
In pratica sono state accolte le obiezioni presentate dal WWF sia attraverso un ricorso al TAR (che, ricordiamo, ha bloccato la caccia almeno fino al 25 settembre), sia attraverso le osservazioni al calendario fatte in sede di Valutazione di Incidenza Ambientale.
“Quest’anno il calendario venatorio regionale sta raccogliendo solo censure”, dichiara Filomena Ricci, delegato del WWF Abruzzo. “Si conferma la situazione di confusione che regna nella gestione regionale di questo settore. La volontà di accogliere le richieste delle frange più estremiste dei cacciatori, rappresentate dalle associazioni venatorie, ha portato a questa situazione. Ad oggi la caccia è sospesa fino ad un nuovo pronunciamento del TAR. Da un lato invitiamo la Regione a non continuare con assurdi tentativi di superare il dettato normativo rimediando solo brutte figure, dall’altro ribadiamo invece la nostra disponibilità a confrontarci nel merito per giungere a una gestione rispettosa della legge. Come WWF siamo contrari alla caccia, ma essendoci in Italia una legge che la consente, pretendiamo che questa legge sia rispettata e correttamente applicata nell’interesse di tutti i cittadini e non di una piccola minoranza”.

Guarda anche

Raccolta Differenziata: a Chieti verifica con analisi a campione di un autocompattatore, molti errori da parte degli utenti

Chieti - Si è svolto questa mattina un ennesimo “blitz” voluto dal Comune di Chieti e dal Consorzio Formula Ambiente per analizzare il contenuto di un autocompattatore in servizio a Chieti Scalo. Si fanno sempre più serrati i controlli sul territorio al fine di analizzare il corretto conferimento della spazzatura da parte dei cittadini. Questa mattina, mercoledì 16 ottobre, i tecnici della ditta Eco-Servizi 2, incaricati dal Consorzio Formula Ambiente e dal Comune di Chieti, hanno analizzato a sorpresa il contenuto di un autocompattatore in servizio nella zona di Chieti Scalo.

2 Commenti

  1. AntonioLuzii peccato che lei non conosca una legge che non solo in abruzzo ma in tante altre regioni,non viene applicata,la legge quadro in materia di incendi boschivi la 353 del 2000 la conosce ? lei che parla di ambientalisti estremisti,poi ci spiega cosa significa ambientalistaestremista,con i cinghiali avete creato un disastro e date colpa al lupo che attaccano i greggi quando appunto per questo disastro che VOI avete creato immettendo cinghiali nord europei e facendo scomparire i nostri nostrani ,dove la popolazione di questi animali riproducono piu di 10 cuccioli ,i lupi oltre agli incendi vanno dietro i cinghiali e per questo motivo che si avvicinano ai centri abitati,grazie della vostra INCOMPETENZA e ignoranza .

  2. ESTREMISTI? Io mi auguro che prima o poi si faccia chiarezza sulle modalità di come queste pseudo associazioni,si gestiscono e sul reale e veritiero,impatto e controllo del territorio da parte di questi ,POCHI E ULTIMI AMBIENTALISTI, aimè IGNORANTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 1 =