mercoledì , 16 ottobre 2019
Home » Polis » Città » Il porto di Pescara verso l’affidamento del secondo lotto di opere

Il porto di Pescara verso l’affidamento del secondo lotto di opere

Pescara – «Con il parere favorevole  arrivato, nei giorni scorsi, dalla Commissione Via regionale potrebbero partire a breve le procedure di affidamento del secondo lotto di opere per la sistemazione e il rilancio del Porto di Pescara. Dopo il taglio della Diga Foranea  e la realizzazione della barriera soffolta, si passa quindi al Molo Nord, finanziato per 15 milioni di euro con fondi del Masterplan.» Ad annunciarlo con una nota è l’Assessore alle Grandi Infrastrutture Luigi Albore Luigi Albore Mascia .

Mascia evidenzia come a seguito dei lavori si creerà in questo modo un sistema equilibrato di divisione tra le acque del mare e quelle del fiume che dovrebbe, intanto, migliorare lo stato delle acque litoranee e poi limitare le possibilità di esondazioni e straripamenti del Pescara.

Per entrare definitivamente a regime si dovrà però attendere la conclusione dell’ulteriore fase che, finanziata per 16 milioni di euro con fondi Cipe Ambiente, prevede il completamento del Molo Nord e l’inizio dei lavori della darsena commerciale.

Per quanto riguarda il molo guardiano Nord, il soggetto attuatore è l’Arap che ora potrà procedere alla gara per la stazione appaltante.

“Conclusi tutti gli interventi – sottolinea l’assessore Mascia – il porto di Pescara avrà una nuova configurazione strutturale, con una maggiore proiezione verso il mare, grazie al prolungamento dei moli guardiani che devieranno le acque fluviali e le accompagneranno al largo oltre la diga foranea. Questo ci consentirà di avere nuovi bacini che consentiranno di riattivare i collegamenti con l’altra sponda dell’Adriatico e che in futuro potranno  ospitare anche navi da crociera”.

Già la realizzazione della barriera soffolta consente di impedire la miscelazione delle sabbie marine con i sedimenti trasportati dal fiume, una miscela che doveva essere dragata e poi smaltita come rifiuto, con relativi costi. “Ora invece – chiarisce Albore Mascia – si creerà un deposito di sabbie marine utili e compatibili con il ripascimento di tratti di costa soggetti a erosione”.

 

 

Guarda anche

Spoltore, riunione istitutiva del gruppo di lavoro del nuovo piano regolatore strategico

Spoltore - Stamattina, nella stanza appositamente allestita presso l'ufficio urbanistico, si è svolta la riunione istitutiva del gruppo di lavoro del nuovo piano regolatore strategico, diretto dall'arch. Merico, il dirigente del settore urbanistica del Comune, in qualità di progettista e firmatario del piano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 + sedici =