giovedì , 24 Settembre 2020

Motoseghe in azione a Montesilvano, protesta il comitato Saline.Marina.PP1 

Montesilvano – In una città da settimane apparentemente ferma, in alcune zone dell’abitato proseguono i lavori pubblici. In alcuni casi però resta oscura la necessità o l’urgenza di alcune azioni sul territorio.
A segnalare un intervento di “sfoltimento” in maniera critica  è l’Arch G. Di Giampietro. Presidente comitato Saline.Marina.PP1 Montesilvano che ritorna sul tema delle potature selvagge.

«Nonostante il lockdown per la pandemia mondiale, a Montesilvano, delle squadre con motosega e cestello continuano ad aggirarsi in città amputando e abbattendo alberi anche in questi giorni. Chi ci libererà da costoro? Chi ci restituirà le piante che purificano l’aria e abbattono le onde di calore ? Che autorizzazione hanno costoro per distruggere il nostro patrimonio verde ? E’ questo il programma del sindaco per ampliare il nostro patrimonio verde e piantare un nuovo albero per abitante?»
Domanda l’architetto e prosegue. «Lo chiediamo al sindaco di Montesilvano, protestando per questa dissennata maniera di intendere la cura del verde, con lavori inutili di distruzione, senza alcun intervento di riforestazione e piantumazione , ancor più grave in questo momento di crisi ambienntale globale, e nella nostra città turistica».

Guarda anche

Si conclude a fine mese l’azione di citizen science sui gechi lanciata in aprile da WWF e SHI

«Aggiornati, grazie a centinaia di segnalazioni, i dati di diffusione in Abruzzo»  Una grande voglia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 9 =