martedì , 16 luglio 2019
Home » Polis » Politica » Penne, approvato il bilancio di previsione 2019-2021

Penne, approvato il bilancio di previsione 2019-2021

Penne – Il Consiglio comunale di Penne, ieri sera, ha approvato a maggioranza (hanno votato contro i gruppi M5S e Partito democratico) il bilancio di previsione 2019-2021.

Non è previsto l’aumento della pressione tributaria, rimarranno invariate le aliquote e le tariffe di imposte e tasse, mentre sono previste agevolazioni per le fasce deboli (disabili e mamme disoccupate), il sostegno all’occupazione e lo sviluppo delle imprese sul territorio comunale (esenzione del pagamento della Tari per nuove società). Programmati interventi per la manutenzione delle strade (circa 280mila euro) e per la realizzazione di nuove opere pubbliche: mitigazione del dissesto idrogeologico della Portella (5 milioni di euro), recupero e sistemazione del campo di contrada Ossicelli (350mila euro), riqualificazione della Villa Comunale di Viale San Francesco e il recupero dell’area Belvedere (700mila euro), alle spalle di piazza Luca da Penne. È il bilancio di metà mandato della maggioranza del sindaco Mario Semproni. «Abbiamo avviato una forte azione di risanamento del bilancio comunale in questi primi 30 mesi di amministrazione», ha detto Semproni «eliminato le passività e ridotto di circa 400mila euro il disavanzo: la parte corrente del bilancio non è più in tensione. Vediamo la luce in fondo al tunnel dopo anni di sacrifici. Ringrazio l’assessore al bilancio Gilberto Petrucci e l’area finanziaria e amministrativa per il lavoro svolto». Sono stati approvati anche i debiti fuori bilancio relativi a parcelle di professionisti non pagati (196mila euro) tra il 2003 e il 2018 e un debito con l’Aca pari a 437mila euro per fatture non pagate recapitate dal 2000 al 2009. Infine, il Consiglio comunale ha deliberato la variante al Prg per la realizzazione del nuovo centro della Fondazione Papa Paolo VI e un provvedimento per il recupero del complesso monumentale di Colleromano.

Guarda anche

Pescara, passaggio di consegne finanziarie di Tesoreria: Alessandrini  “Comune al collasso risanato in cinque anni. Lasciamo conti positivi e niente debiti”

Pescara - Nel pomeriggio di oggi, il sindaco uscente di Pescara Marco Alessandrini, ha proceduto all’avvicendamento formale anche per la Tesoreria dell’Ente. Un passaggio avvenuto in Comune con la verifica straordinaria di cassa e della gestione del servizio di Tesoreria, come il Decreto legislativo n. 267 del 2000 impone, fatta sulla base dei documenti bancari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 1 =