martedì , 25 giugno 2019
Home » Focus » Ambiente » Giulianova, la Guardia Costiera diventa #plasticfreeGC

Giulianova, la Guardia Costiera diventa #plasticfreeGC

Giulianova – Un gesto concreto per rappresentare un esempio per i più giovani e tutelare l’ambiente marino: il prossimo lunedì 3 aprile, nell’aula magna dell’Istituto Alessandrini-Marino di Teramo, in occasione della presentazione di lancio della campagna comunicativa nazionale #PlasticFreeGC promossa dal Comando Generale delle Capitanerie di porto in collaborazione col Ministero dell’Ambiente, la Guardia Costiera di Giulianova, con i suoi quattro Uffici marittimi dipendenti di Martinsicuro, Tortoreto, Roseto degli Abruzzi e Silvi, verrà ufficialmente nominata “Amministrazione PlasticFree”, ovvero Amministrazione che ha bandito l’uso di plastiche monouso nei propri uffici, e realtà istituzionale impegnata in azioni concrete per promuovere la riduzione del consumo di plastiche.

A conferire l’ideale cappello virtuoso, il Presidente dell’Area Marina protetta Torre del Cerrano-Leone Cantarini e il Direttore Arch. Fabio Vallarola, che consegneranno ai Comandanti degli Uffici della Guardia Costiera dell’intera costa teramana, in rappresentanza di tutto il personale, una borraccia in acciaio inox individuale per consumare l’acqua alla scrivania. L’Area protetta, infatti, che aderirà anch’essa all’iniziativa, doterà tutti i militari della Guardia Costiera di una borraccia grazie alla quale azzerare il consumo di bottiglie di plastica monouso all’interno degli stessi uffici pubblici.

A suggellare l’importante momento green, la presenza significativa del Vice presidente di WWF Italia (nonché Presidente di WWF Teramo)-Dante Caserta, nonché quella del Presidente di Legambiente Abruzzo-Giuseppe Di Marco.

Guarda anche

Pepe all’attacco sulla sospensione degli abbattimenti dei cinghiali in provincia di Teramo -VIDEO

L’Assessore Imprudente ha confermato che il Dipartimento Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca, dallo scorso febbraio, ha sollecitato più volte la Provincia di Teramo per chiedere il motivo dell’interruzione dell’attività di controllo dei cinghiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 3 =