martedì , 17 settembre 2019
Home » Culture » Cultura » San Valentino: il rappresentante MIBACT in visita ai beni culturali
Il Duomo di San Valentino in A.C. Ph: wikipedia

San Valentino: il rappresentante MIBACT in visita ai beni culturali

San Valentino In Abruzzo Citeriore – Gianluca Vacca, sottosegretario ai Beni culturali, sarà a San Valentino sabato 15 giugno 2019 alle ore 10, accolto nella Sala consigliare del Comune dal Sindaco Antonio D’Angelo, dall’assessore alla Cultura, Lino Sciambra, dal parroco don Rocco D’Orazio e da alcuni rappresentanti delle associazioni culturali del paese.
La visita riguarderà la verifica di alcuni progetti in parte finanziati e in parte no, per il ripristino delle chiese danneggiate dal terremoto e in particolare, del progetto presentato da Comune e Parrocchia per il recupero dei quattro organi storici, che rappresentano un patrimonio musicale e religioso, unico per l’intera regione, per originalità e qualità degli strumenti.

Sarà l’occasione per conoscere le “rue” del paese, ricco di storia e tradizioni spesso poco conosciute, ma che la nuova amministrazione intende valorizzare con un progetto di arredo urbano in grado di informare e guidare i visitatori del centro storico, dal Palazzo Farnese di Margherita d’Austria al Museo dei Fossili e delle Ambre di Palazzo Delfina Olivieri de Cambacérès.
Diverse le chiese interessate, a partire dal Duomo dove sono ancora in corso i lavori di consolidamento della cantoria. Poi la chiesa di San Nicola, resa inagibile da anni, ma oggetto di un intervento di ristrutturazione che non prende ancora avvio per mancanza di fondi, nonostante un primo finanziamento di seicentomila euro da parte della Regione, ma ancora insufficienti per coprire l’intero intervento.
Nessun intervento però è previsto per San Donato e Sant’Antonio, chiuse da anni per i danni subiti negli ultimi terremoti. In ciascuna di queste chiese sono conservati, integri, pregevoli organi a canne, costruiti dalla fine del seicento ai primi anni dell’ottocento, da note famiglie di organari, da Tommaso Cefalo a Quirico Gennari.

Il progetto, presentato dal Comune e dalla Parrocchia, proposto dall’Associazione Amici del Museo e Ensemble 900 alla Regione Abruzzo, aspetta di essere finanziato con i fondi del Masterplan, approvato con una delibera di giunta già da gennaio 2017.
Oltre al recupero di questi straordinari strumenti musicali, il progetto prevede il loro utilizzo per la formazione di giovani organisti in una scuola estiva permanente per la loro formazione che darà vita ad una rassegna internazionale di musica d’organo.
San Valentino, diventerebbe così un punto di riferimento nazionale ed internazionale per la musica antica  e per il turismo religioso, in grado di attrarre appassionati e turisti delle più svariate nazionalità.

Guarda anche

Il complesso bandistico ‘Città di Archi’ compie 25 anni

Archi. Compie 25 anni il complesso bandistico “Città di Archi”, un traguardo importante che è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 + 20 =