lunedì , 25 marzo 2019
Home » Passioni » Food » Torna l’appuntamento con “Le stagioni del mare. Dalla rete al piatto”

Torna l’appuntamento con “Le stagioni del mare. Dalla rete al piatto”

Dal 26 febbraio al 12 marzo menù con pesce locale nei ristoranti della Costa dei Trabocchi

Valorizzare il pesce locale di stagione e recuperare le tradizioni culinarie del mare. Con questo obiettivo torna puntuale l’appuntamento con la manifestazione “Le stagioni del mare. Dalla rete al piatto” che si svolgerà dal 26 febbraio al 12 marzo. Saranno 25 i ristoranti della provincia di Chieti che, in questa terza edizione dedicata all’inverno, proporranno menù a prezzi vantaggiosi in abbinamento a vini di qualità. Dopo il grande successo delle prime due edizioni, dedicate all’estate e all’autunno, gli chef della Costa dei Trabocchi sono pronti a cimentarsi con una nuova lista di pesci locali di stagione: triglia, sarago, sardina, ricciola, pagello, alice, rana pescatrice, palamita, sgombro, vongola, rombo chiodato, polpo, seppia, lumachino, merluzzo, cefalo, sgombro, calamaro, mazzancolla, moscardino, cicala di mare, sogliola, scorfano.

L’iniziativa è promossa dal Flag Costa dei Trabocchi in sinergia con Slow Food Lanciano, Confcommercio, Confesercenti, con il coinvolgimento degli operatori della ristorazione, e gode della sponsorizzazione dell’azienda Codice Citra con i vini della linea FERZO WINES.

La terza edizione del progetto è stata presentata ieri nel corso di uno show cooking che si è svolto alla Red Academy di San Vito Chietino e che ha visto protagonisti alcuni dei ristoratori coinvolti le cui appetitose creazioni sono state bonariamente giudicate e votate da una “giuria” composta da giornalisti locali.

Tra una degustazione e l’altra, a riassumere il senso dell’iniziativa sono stati il direttore del Flag Costa dei Trabocchi Valerio Cavallucci e il consigliere del Flag Raffaele Cavallo, alla presenza del presidente Franco Ricci. «Dopo le prime due edizioni, siamo pronti per questo nuovo appuntamento de Le Stagioni del mare che sta diventando una manifestazione sempre più conosciuta e apprezzata nel nostro territorio e anche oltre», hanno evidenziato i promotori dell’iniziativa. «Stiamo riscontrando, infatti, un grande interesse nei confronti di questo progetto che nasce l’obiettivo di sensibilizzare da un lato i ristoratori a utilizzare il pescato del nostro mare e dall’altro i consumatori a conoscere e riconoscere in futuro il pesce fresco e locale. E perché no anche a cucinarlo a casa prendendo spunto dalle ricette degli chef coinvolti nell’evento, che pubblichiamo sul nostro sito e sulle pagine social. Con grande soddisfazione, infine, possiamo evidenziare che alcuni degli chef che partecipano all’evento hanno già deciso di introdurre in maniera stabile, nella loro offerta gastronomica, il menu proposto per le due settimane di manifestazione».

L’elenco di tutti i ristoranti aderenti all’iniziativa e i relativi menù proposti sono disponibili sul sito internet www.lestagionidelmare.it.

San Vito Chietino, 26 febbraio 2019

Antonella Luccitti – Responsabile dell’animazione Flag Costa dei Trabocchi

Guarda anche

Mensa universitaria a Teramo: le pietanze indicate in base alla confessione di appartenenza. UDU Teramo ‘inopportuno e discriminatorio’

Teramo - "Con rammarico ci troviamo a denunciare quanto accaduto nella mensa del nostro ateneo. Non è la prima volta che alcuni piatti presenti nel menù di giornata sono seguiti dalla scritta "SI MUSULMANO", "NO MUSULMANO" o "X MUSULMANO" al fine di indicare la presenza di carne di maiale nel piatto” a segnalare l'epiosodio è l'UDU Teramo che aggiunge “Riteniamo tale rubrica vergognosa e non corretta nei confronti degli studenti appartenenti a tale confessione. Il risultato è assolutamente inopportuno e discriminatorio ed è nostro preciso dovere, a seguito delle segnalazioni degli studenti e dello sgomento di questi, denunciare l'accaduto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici + due =